Notizie del 07 maggio 2020 Scarica gli articoli della rassegna


Fonte Pg Titolo
PANORAMA POLITICO ITALIANO
1 Corriere della Sera
07/05/2020
1.10 Il premier accelera sui negozi «Valutiamo la possibilità di anticipare le riaperture»  (Monica Guerzoni)  [testo]
Per migliaia di piccole imprese stremate dal lockdown, ogni giorno ulteriore di attesa rischia di avvicinare il collasso definitivo. Le pressioni delle categorie produttive si sono fatte insostenibili per il governo, già sommerso dalle voci dissonanti che si alzano nella maggioranza e tra i presidenti delle Regioni. E così Giuseppe Conte si è convinto a rivedere la tempistica delle riaperture.
2 La Stampa
07/05/2020
7 "Fra due settimane riapriamo bar e negozi Serve più coraggio"  (GABRIELE MARTINI)  [testo]
INTERVISTA. La data cerchiata sul calendario è il 18 maggio. Per quel giorno le Regioni chiedono al governo di dare luce verde alla riapertura di negozi, bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti. «Se i contagi continuano a scendere, Conte deve anticipare le scadenze che aveva indicato», incalza Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia Romagna alla guida della Conferenza delle Regioni.
3 La Stampa
07/05/2020
5 "Se lo Stato finanzia le aziende deve avere un posto nei Cda"  (FABIO MARTINI)  [testo]
INTERVISTA. Dopo mesi di convivenza molto pacifica con i Cinque stelle, da qualche settimana il Pd tiene il punto su ogni questione e in questa intervista a La Stampa il numero due del partito, Andrea Orlando, racconta la linea del Piave dei democratici sui principali temi in discussione, a cominciare da un delicato e nuovo: la partecipazione dello Stato al capitale delle imprese.
4 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
4 Migranti, Bellanova minaccia di lasciare e Conte convoca Iv  (Emilia Patta Manuela Perrone)  [testo]
«La questione della regolarizzazione dei migranti mi pone di fronte a una riflessione attentissima, per me è motivo di permanenza nel governo. Non sono qui a fare tappezzeria». È prima mattina quando la renziana Teresa Bellanova, ministra delle Politiche agricole e capodelegazione di Italia Viva al governo, mette sul piatto le sue dimissioni.
5 La Stampa
07/05/2020
3 "Vanno regolarizzati subito Facciamo come la Germania"  (ALESSANDRO BARBERA)  [testo]
INTERVISTA. «La regolarizzazione degli immigrati? Sono favorevole. L'ho sempre detto e sarebbe ipocrita nascondermi dietro al mio ruolo». Pasquale Tridico risponde trafelato fra una riunione e l'altra nell'enorme palazzo dell'Inps all'Eur. Si accalora quando gli si chiede conto dei ritardi sull'erogazione dei bonus agli autonomi o della cassa integrazione.
6 La Repubblica
07/05/2020
2 Boss, corsa a un decreto per rimetterli in carcere Bonafede sotto attacco  (Liana Milella)  [testo]
Un decreto legge per riportare in galera i mafiosi. Una risposta stizzita a Di Matteo. La mozione di sfiducia del centrodestra contro di lui che sta per materializzarsi al Senato per la penna di Bongiorno e Ghedini, due nemici storici, che scrivono strizzando l'occhio a Renzi. Per il Guardasigilli Alfonso Bonafede è una giornata difficle. Comincia con due pugni nello stomaco dalle pagine di Repubblica, la lista del 376 mafiosi scarcerati per l'emergenza Covid e l'intervista di Nino Di Matteo.
7 La Repubblica
07/05/2020
11 Manfredi "Ora temo un calo delle matricole Meno tasse per fermarlo"  (Corrado Zunino)  [testo]
INTERVISTA. Ministro Gaetano Manfredi, è vero che per il prossimo anno accademico attende un calo del venti per cento delle matricole delle università italiane? «Il ministero dell'Università e della Ricerca ha fatto alcune stime, tenendo come riferimento la profonda crisi del 2008-2014, e ha calcolato una possibilità di caduta fino al 20 per cento». Se si realizza lo scenario peggiore, assisteremmo a un crollo.
PANORAMA ECONOMICO E FINANZIARIO
1 Corriere della Sera
07/05/2020
30 L'Europa fa i conti delle chiusure Italia, debito pubblico oltre il 158%  (Francesca Basso)  [testo]
«L'Europa sta sperimentando uno choc senza precedenti dalla Grande Depressione». Il commissario Ue all'Economia, Paolo Gentiloni, ha presentato le Previsioni economiche di primavera della Commissione europea, che tengono conto dell'impatto del lockdown deciso per contenere il diffondersi del coronavirus: in tutti gli Stati membri c'è un crollo del Pil e un aumento considerevole del debito pubblico, anche se in misura differente da Paese a Paese (l'Italia arriverà al 158,9% del Pil). Ma è soprattutto la velocità della ripresa nel 2021 che sarà diversa, rischiando di mettere in crisi l'unità del mercato interno.
2 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
1 Phil Hogan: «Il commercio sarà pilastro della ripresa»  (Beda Romano)  [testo]
Nonostante i segnali di protezionismo che la pandemia influenzale ha provocato in giro per il mondo, la Commissione europea rimane convinta che il commercio internazionale debba essere un pilastro della prossima ripresa economica. È intenzione di Bruxelles rilanciare al più presto i negoziati commerciali sia con gli Stati Uniti che con la Cina, due Paesi che proprio in questi giorni sono al centro di un pericolosissimo diverbio.
3 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
1 La Corte tedesca non ferma i piani Bce  (Isabella Bufacchi)  [testo]
La Bce resta totalmente determinata ad assicurarsi che la politica monetaria sia «trasmessa a tutte le parti dell'economia e in tutte le giurisdizioni», cioè gli Stati dell'area dell'euro, operando all'interno del mandato. È questa l'indicazione prospettica scandita dalla Banca centrale europea poche ore dopo la sentenza della Corte costituzionale tedesca, che ha sollevato rilievi sulla parziale possibile illegalità del programma di acquisti di titoli di Stato (Pspp) nel Qe1 e Qe2.
4 La Stampa
07/05/2020
16 "La Bce è indipendente Sul diritto Ue i giudici tedeschi non hanno competenza"  (MARCO BRESOLIN)  [testo]
INTERVISTA. «Dopo la sentenza della Corte Costituzionale tedesca penso che la Bce abbia reagito da istituzione indipendente, con una dichiarazione perfetta. Ha preso atto del verdetto, ha ricordato che la Corte di giustizia europea, che è la Corte superiore, ha approvato le politiche della Bce e ha ribadito il suo impegno a raggiungere un aumento dell'inflazione appena inferiore al 2% con la trasmissione della politica monetaria a tutti i Paesi dell'Eurozona.
5 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
1 Fisco e contributi, rinvio a settembre per i pagamenti di oltre 20 miliardi  (Marco Mobili Marco Rogari)  [testo]
Tre mesi di tasse e Iva sospese, si torna a pagare il 16 settembre. Quanto andava versato a marzo, aprile, maggio slitta infatti in avanti, compresi i pagamenti degli avvisi bonari, delle cartelle esattoriali e degli accertamenti in scadenza dal 2 marzo scorso al prossimo 31 maggio. Si tratta, per lo Stato, di rinviare incassi che potenzialmente ammontano a 20 miliardi di tasse e contributi.
6 Corriere della Sera
07/05/2020
31 «Unicredit più solida Al fianco delle imprese per uscire dalla crisi»  (Nicola Saldutti)  [testo]
INTERVISTA. «C'era chi ci criticava per il nostro percorso di riduzione degli asset non strategici e la cessione dei non performing loans. Quelle scelte oggi ci consentono di essere una banca solida, Unicredit non è mai stata così patrimonializzata. Una condizione necessaria per navigare nelle acque di questa crisi, che certo finirà, ma nessuno sa dire quando». La pandemia ha cambiato per sempre le regole del gioco, e sta costringendo tutti ad affrontare una situazione «assolutamente imprevedibile, senza precedenti. Non solo in Italia ma in tutto il mondo. Il nostro ruolo è quello di supportare l'economia in questa situazione. Ci tengo a sottolineare che siamo stati tra i primi a sospendere le rate dei mutui...».
7 La Repubblica
07/05/2020
24 Enel non subisce l'effetto contagio Confermati cedola e investimenti  (Luca Pagni)  [testo]
Il coronavirus non contagia i conti del gruppo Enel. La società guidata da Francesco Starace (appena riconfermato dal ministero dell'Economia per il suo terzo mandato) ieri ha fatto sapere che non ci sono «evidenze di impatti significativi derivanti dallo stato di emergenza connesso all'epidemia da Covid 19». Di conseguenza non modifica i suoi obiettivi e le sue previsioni finanziarie, annunciate agli investitori sul finire dello scorso anno.
8 Corriere della Sera
07/05/2020
2 «Bene le regolarizzazioni In azienda però preferiamo chi ha già lavorato con noi»  (Michelangelo Borrillo)  [testo]
INTERVISTA. «La nostra priorità è poter lavorare con i braccianti che già da anni collaborano con noi. Ma non essendo ancora possibile, ben venga la proposta della ministra Bellanova di regolarizzare i migranti. Con dei punti da chiarire, però». Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, è stato tra i primi a lanciare l'allarme a marzo: a causa del Covid-19 mancano 200 mila braccianti nei campi italiani.
PANORAMA ESTERO
1 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
21 Trump: la task force guiderà la Fase 2 Tentazione di ritorsioni contro la Cina  (Riccardo Barlaam)  [testo]
«La Cina avrebbe potuto prevenire la morte di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo», ripete Mike Pompeo. «Avrebbe potuto risparmiare al mondo di sprofondare in una crisi economica. Avevano una scelta e invece hanno coperto l'epidemia a Wuhan», dice il segretario di Stato facendo eco di nuovo alle accuse lanciate da Donald Trump contro Pechino.
2 Corriere della Sera
07/05/2020
18 Trump spinge per riaprire il Paese E cambia le priorità della task force  (G. Sar.)  [testo]
Le ultime previsioni dei Centers for Diseases Control and Prevention, l'autorità sanitaria federale, sono inquietanti. La diffusione del contagio continuerà a ritmo sostenuto, con un aumento del 20% circa nei 32 Stati riaperti. Al momento le vittime da Covid-19 hanno superato quota 70 mila, in tutto il territorio Usa. Da qui ai primi di agosto potrebbero essercene 100 mila in più.
3 La Repubblica
07/05/2020
18 La Cina sfida gli Usa "Mostrino le prove" Pompeo contrattacca  (Filippo Santelli)  [testo]
«Pompeo ha prove enormi? Che le presenti». Al rientro dal lungo ponte del Primo Maggio, durante il quale avevano affidato le repliche i quotidiani di regime, le autorità cinesi hanno risposto ufficialmente alle accuse americane. Domenica il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, prima linea dell'offensiva contro Pechino, aveva dichiarato di avere «enormi prove» sul fatto che il coronavirus sia uscito da un laboratorio di Wuhan.
4 La Repubblica
07/05/2020
7 Maitig "L'Italia corteggia Haftar ma sulla Libia non ha più una visione"  (Vincenzo Nigro)  [testo]
INTERVISTA. Vice Presidente Ahmed Maitig, il 27 aprile il generale Khalifa Haftar, l'uomo che un anno fa ha ordinato di attaccare Tripoli, ha fatto un discorso in tv per rivendicare a lui i poteri assoluti. Come giudicate quel discorso voi del Consiglio presidenziale di Libia? «Haftar ha fatto un colpo di stato contro se stesso, un auto-golpe, contro la gente che gli ha dato potere, contro quei deputati del parlamento che erano ancora con lui. Ha tradito la gente della Cirenaica. Non è un golpe contro di noi, contro il legittimo governo libico, perché contro di noi lo aveva già fatto attaccandoci il 4 aprile del 2019. In Libia c'è una situazione politica nuova: dopo un anno di distruzioni militari, di attacchi indiscriminati alla capitale Tripoli, Haftar non è riuscito altro che a produrre morte e distruzione».
5 La Stampa
07/05/2020
13 In Messico i narcos al posto dello Stato Torturato chi viola il coprifuoco  (PAOLO MASTROLILLI)  [testo]
In Messico comanda ancora lui, El Chapo. Inutile farsi illusioni. Anche se sta chiuso nel penitenziario ADX di Florence, l'Alcatraz delle Montagne Rocciose, attraverso i figli gestisce l'ordine a Sinaloa, impone il coprifuoco per fermare il contagio del coronavirus, e distribuisce aiuti alle famiglie impoverite dall'epidemia. Una strategia che dovrebbe preoccupare anche l'Italia, perché il comportamento delle mafie per il controllo del territorio si assomiglia un po' dappertutto.
PRIME PAGINE
1 Corriere della Sera
07/05/2020
1 PRIMA PAGINA   [testo]
2 La Repubblica
07/05/2020
1 PRIMA PAGINA   [testo]
3 Il Sole 24 Ore
07/05/2020
1 PRIMA PAGINA   [testo]
4 La Stampa
07/05/2020
1 PRIMA PAGINA   [testo]


La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.